La cura della salute mentale

Psichiatria
integrata a Cagliari

Parlando di medicina automaticamente si pensa alla malattia, a innumerevoli patologie che vengono analizzate e classificate per poi essere curate, con poche eccezioni, per mezzo della terapia farmacologica.

Una visione completa della salute mentale

Una filosofia terapeutica per una vita equilibrata

La medicina dovrebbe invece essere innanzitutto scienza della salute, che attraverso la prevenzione dovrebbe insegnare non solo ad evitare di ammalarsi, ma anche a raggiungere livelli di ottimale benessere psico-fisico. 

La scienza medica non può occuparsi solo di patologie e di trattamenti farmacologici, perché noi non ci ammaliamo per carenza di farmaci. Quello che mangiamo, come e quanto ci muoviamo, l’ambiente in cui viviamo, il nostro sonno, i nostri pensieri, le nostre emozioni e la nostra vita spirituale hanno l’immenso potere di mantenere la salute e di promuovere la guarigione. 

Ho applicato questo pensiero alla mia specializzazione, la psichiatria, prediligendo un approccio olistico, che interpreta la malattia come alterazione dell’equilibrio esistente all’interno dell’unità uomo – unione di corpo, mente e spirito – e come turbamento dell’equilibrio tra uomo e ambiente circostante. 

Questa visione è solidamente supportata da evidenze scientifiche derivate da numerosi studi rigorosi e all’avanguardia, in particolare nel campo della PNEI (Psico Neuro Endocrino Immunologia). E’ stata infatti dimostrata la profonda connessione esistente tra il sistema nervoso, il sistema endocrino ed il sistema immunitario, che interagiscono strettamente tra loro regolando l’interazione dell’intera unità corporea con l’ambiente esterno.

In questa filosofia si chiarisce il concetto di psichiatria integrata, dove i farmaci non vengono considerati la sola strategia terapeutica percorribile, ma vengono eventualmente inclusi in un percorso di cura multidimensionale, inserito in un contesto psicoterapeutico ispirato alle teorie funzionali. In questo percorso viene posta attenzione all’ intervento psicologico (con particolare attenzione alla regolazione emozionale),  al cibo (nutrizione consapevole e nutraceutica), al movimento fisico, alla cura della propria interiorità (ad esempio attraverso pratiche di meditazione/mindfulness e attraverso la riscoperta di varie forme di nutrimento spirituale, come la musica), al rispetto dei ritmi circadiani, alla riconnessione con l’ambiente naturale e alla ricerca di buone relazioni interpersonali.

Gli elementi appena elencati sono semplicemente i capisaldi di un corretto stile di vita, robusti fondamenti di prevenzione e cura: lo mettono in luce le più recenti e valide evidenze scientifiche e lo raccontano gli antichi saperi di tutte le culture del mondo. Nel profondo lo sappiamo tutti, ma tendiamo a dimenticarcene sino a che non sopraggiungono le varie patologie, per le quali si corre a cercare una cura.

Migliorare il tuo stato mentale e fisico

Un approccio personalizzato alla cura della salute mentale

L’obiettivo della psichiatria integrata non è però solo guarire squilibri e malattie,  ma anche e soprattutto portare il paziente a raggiungere  il migliore stato di benessere possibile, una condizione di profonda e completa armonia psico-fisica. 

La terapia psicofarmacologica, prescritta tenendo delle più recenti evidenze scientifiche, talvolta rappresenta un valido aiuto e in casi specifici si rivela essenziale. Il periodo di assunzione degli psicofarmaci può variare da periodi brevissimi alla prescrizione a lungo termine, a seconda delle condizioni individuali. Sono tuttavia profondamente convinta che ogni intervento psicofarmacologico, anche quando imprescindibile, debba essere inserito in un approccio di cura olistico. In caso contrario sarebbe come trovarsi davanti ad un terreno impoverito, malato a tal punto da rendere indispensabile la somministrazione di concimi concentrati e speciali…se noi diamo al terreno queste medicine, ma poi dimentichiamo di innaffiarlo e non ci impegniamo ad eliminare l’intreccio di rami che bloccano il passaggio dei raggi del sole, la terra non guarirà mai.

La ricerca dell’equilibrio non può quindi passare solo ed esclusivamente attraverso la prescrizione di psicofarmaci, ma deve diventare un percorso d’accettazione e impegno condiviso tra medico e paziente, che assume un ruolo attivo nella strada per ritrovare benessere e armonia.